La Stanzetta di Bruno

 

 

La Stanzetta di Bruno - La Stampa

 

 

Inaugurazione Stanzetta di Bruno - 24 gennaio 2020

"Le Person dij Partigian" (Le Prigioni dei Partigiani), luogo della memoria resistenziale unico sul territorio, si arricchiscono di un nuovo spazio museale.
Venerdì 24 gennaio 2020 alle ore 11,00 in via Lodovico Bò 4 a San Maurizio Canavese sarà inaugurata "La stanzetta di Bruno".
Si tratta del locale dove Bruno Tuscano, eroico comandante della Colonna di Giustizia e Libertà "Renzo Giua", trascorse le sue ultime ore di vita prima di cadere fucilato per mano fascista 75 anni fa.
L'allestimento della "stanzetta" in forma scenografica, fedele ai ricordi dei testimoni, é stato curato dalla Sezione ANPI "Giuseppe Ferrero".
All'evento parteciperanno gli studenti della Scuola Media Statale "Andrea Remmert".
La cerimonia sarà preceduta dall'omaggio floreale alla lapide posta all'ingresso del cimitero.

 

Stanzetta-di-Bruno---Locandina

 

Scarica il documento qui.

Ricordo fratelli partigiani Luigi e Piero Pagliero

75-Fratelli-Pagliero---locandina

 

Scarica il documento qui.

Documentario Cudine a Le Person dij Partigian

75-eccidio-di-Cudine---locandina-proiezione

 

Scarica il documento qui.

"L'Incontro" a Le Person dij Partigian con Bruno Segre: siate orgogliosi del vostro museo!

Sabato 26 ottobre 2019 "Le Person dij Partigian" hanno ospitato l'avvocato Bruno Segre - un "giovanotto" di 101 anni dalla memoria prodigiosa, che non si arrende e continua a lottare per la libertà e i diritti umani."L'Incontro" organizzato dalla Sezione Anpi "Giuseppe Ferrero", con il patrocinio comunale, é statotoccante anche per l'illustre ospite, che, visitando questi locali-prigione, dove i paracadutisti fascistidel battaglione "Nembo" tennero in ostaggio civili e partigiani, ha rivissuto la sua drammaticavicenda di antifascista raccontata nel memoriale "Quelli di via Asti – memorie di un detenuto nellecarceri fasciste nell’anno millenovecentoquarantaquattro (SEB27, 2013)."Voi sanmauriziesi - ha commentato Segre - siate orgogliosi di questo luogo, perché è un veromuseo della Resistenza che ne mantiene viva la memoria e per com'è organizzato fa invidia aTorino!".Poi, dialogando con il referente de "Le Person dij Partigian", Franco Brunetta, ha rievocato leesperienze politiche dei lunghi anni della sua vita di fronte a una folla di persone - tra cui PrimoAmadio, presidente della Sezione Anpi, e giovani studenti della media "Remmert" - che ha seguitocon molta attenzione le sue parole.Al termine dell'applaudita testimonianza l'avv. Segre, definito “l’uomo dei due secoli”, ha firmato ledediche sui suoi libri: “Non mi sono mai arreso” e “Quelli di via Asti”.

(fb)